Ottobre 17, 2018 51

Quale futuro per il Sud e la Basilicata? Le riflessioni di Carmen Lasorella

by Administrator
“Con la lettera di Pittella è iniziata la campagna elettorale”. Così un analista romano in un messaggio. Io lo condivido e rilancio: “Forse, finalmente, si…
Ottobre 13, 2018 28

Cesare Damiano a Catanzaro il 24 ottobre 2018

by Administrator
L’On. Cesare Damiano, dirigente nazionale del PD, sarà in Calabria a Catanzaro il prossimo 24 ottobre 2018, per illustrare il contributo di programma elaborato…
Settembre 06, 2018 185

Ponte Morandi di Catanzaro, le considerazioni di Giancarlo Spadanuda sul "Quotidiano della Calabria"

by Administrator
I catanzaresi non hanno mai amato il "loro" ponte di Giancarlo Spadanuda Clicca sul file PDF sottostante per leggere l'articolo

Il messaggio di Napolitano

Progetto Università Solidali

«Il cielo comincia dal basso», il nuovo romanzo della scrittrice calabrese Sonia Serazzi

 

Comunicato stampa di "Rubbettino editore"

 

All’inizio sono stati alcuni librai, subito dopo i lettori e il tam tam ha preso piede grazie anche alla funzione catalizzatrice dei social network. 

Sonia Serazzi, la schiva scrittrice calabrese che dopo un esordio scoppiettante e quattordici anni di silenzio, ha dato alla luce per Rubbettino un nuovo potente romanzo intitolato «Il cielo comincia dal basso», è diventata così una delle ospiti più ambite di rassegne e festival estivi, inviti spesso declinati perché lustrini e passerelle non fanno per lei, che ha scelto di continuare a vivere nel suo paesino di collina in Calabria da dove laggiù, tra i profili delle case, si intravede uno spicchio di Jonio.

Il successo del libro è nato dal basso quasi a voler riprodurre mimeticamente il titolo. Chi legge questo romanzo, così lontano da certe retoriche sulla Calabria e sul Sud tutto cielo-amore-mare, non può fare a meno di farsi sponsor a sua volta del libro, suggerendone a sua volta la lettura.

C’è anche chi, come Davide Brullo su “Linkiesta” si spinge a scrivere senza paura di lesa maestà che “l’autrice è molto più brava di una Elena Ferrante qualsiasi” o chi come Goffredo Fofi intravede nella prosa austera ed elegante della Serazzi una continuazione di quella tradizione letteraria calabra che annovera scrittori di respiro europeo come Alvaro, La Cava e Strati.

Il romanzo della Serazzi però non ha la presunzione di porsi in concorrenza con chicchessia. Non urla, ma sussurra parlando direttamente all’anima. Non è il classico “pugno nello stomaco”, non mira a stimolare emozioni forti, ma semmai ad accarezzare e a consolare. Non nasconde il brutto della vita di paese, della periferia, lo mostra, ma si sforza anche di cercare e indicare quanto bene e bello c’è talvolta in un’esistenza che può apparire persino banale e insignificante. «Il cielo comincia dal basso» è un libro che mastica duro cercando il bene, e lo trova.

La protagonista, Rosa Sirace, è una che – come scrive l’autrice – impara a fiorire nel posto che ha, e fiorendo scrive la sua vita di cose piccole su un'agenda: fogli con sopra il numero del giorno, e la carta che tiene il conto ripete quotidianamente che una storia non ha tutto lo spazio e il tempo che vuole. Così Rosa Sirace disciplina fatti, incontri e volti costringendoli sulle righe, e sceglie di essere sincera su quello che c'è intorno: la verità resiste a ogni poco. Allora la figlia di un Visconte operaio e di una Baronessa casalinga si porta in casa il lettore offrendogli un mondo senza imbrogli. Ma nell'offerta qualcosa brucia e qualcosa profuma, poi c'è il cielo, un azzurro modesto che Rosa Sirace insegue sul messale e impara da sua nonna: Antonia Cristallo. E Rosa tutto il cielo che scava lo appende in alto, a cominciare ogni pagina, e spera che bastino le Scritture a far scintillare la terra rivoltata.

Commenta con Facebook

Seguici su Facebook