Settembre 29, 2019 190

L’Europa riparta dal Mediterraneo per rilanciare il nostro Sud

by Administrator
Articolo di Romano Prodi, pubblicato su "Il Messaggero " del 29 settembre 2019 Il nuovo governo ha riavvicinato l’Italia all’Unione Europea, riannodando…
Luglio 23, 2019 966

Luna per sempre

by Administrator
Articolo di Mauro Minervino, pubblicato nei giorni scorsi dal "Quotidiano del Sud" «Luna, luna santa...». Mia nonna con la luna ci parlava, la invocava la…
Giugno 27, 2019 533

Svimez:"Giovani emigrano, creare una rete dei talenti"

by Administrator
I giovani del Sud e della Calabria se ne vanno, studiano sempre meno e lo fanno altrove. E' quanto emerge da una ricerca condotta nella regione dalla SVIMEZ.…

Il messaggio di Napolitano

Progetto Università Solidali

IL Blog de il Campo

Riciclaggio Vaticano: intervista a Ferruccio Pinotti

by Administrator
Administrator
Administrator has not set their biography yet
User is currently offline
on Mar 27 in Associazioneilcampo 0 Comments

Intervista a Ferruccio Pinotti

di Enrico Piovesana - 26 marzo 2012

E’ di pochi giorni fa la clamorosa notizia che la filiale milanese della  nota banca d’affari americana JP Morgan ha chiuso il conto dello Ior, la  banca vaticana, in quanto “cliente a rischio” per la sua scarsa trasparenza in materia di norme antiriciclaggio e per la sua non collaborazione con le indagini in merito condotte da tempo dalla Procura  di Roma. Per le stesse ragioni il mese scorso il Vaticano è stato inserito nella ‘lista nera’ Usa dei Paesi “vulnerabili al riciclaggio”. E ora l’istituto d’oltre Tevere rischia pure di non venire incluso, a luglio, nella ‘lista bianca’ della Ue delle banche trasparenti.
E online ha chiesto un commento a Ferruccio Pinotti, giornalista esperto in materia e autore di numerosi libri-inchiesta sui torbidi della  finanza ecclesiastica (Poteri forti, Opus Dei segreta, La lobby di Dio).

Pinotti, perfino una banca come JP Morgan, cui certo non manca il pelo  sullo stomaco, scarica la banca vaticana. Cosa ne pensa?
Se un colosso bancario del genere, che ha politiche molto disinvolte e  che ha disposizione mille trucchi tecnici per tutelarsi da eventuali  rischi legati alle attività dei suoi clienti, arriva al punto di  chiudere i rapporti con un cliente così importante e lucroso come lo Ior, vuol dire che ha sentito puzza di bruciato. E’ un segnale estremamente inquietante, che fa sorgere nuovi interrogativi molto pesanti sulla qualità delle operazioni finanziarie effettuate dalla banca vaticana.

Del resto, come si legge nei suoi libri, è da decenni che questi interrogativi gravano sullo Ior…
Fin dal secondo dopoguerra il Vaticano gestisce una rete finanziaria, messa in piedi dal Banco Ambrosiano di Roberto Calvi e da istituti bancari svizzeri allo scopo di trasferire all’estero e movimentare sulle  piazze finanziarie mondiali gli enormi capitali gestiti dallo Stato Vaticano: quelli delle donazioni provenienti da tutto il mondo, quelli degli ordini religiosi e delle congregazioni, ma anche quelli di privati. Questi ultimi possono essere capitali ‘puliti’ depositati presso lo Ior al solo scopo di eludere il fisco italiano, ma spesso ci sono stati di mezzo anche soldi ‘sporchi’ e capitali illeciti o di dubbia provenienza.

Ad esempio?
Per esempio il riciclaggio di capitali mafiosi o frutto di riscatti di sequestri di persona, come emerso dall’inchiesta condotta dal magistrato romano Luca Tescaroli sul Banco Ambrosiano e come hanno testimoniato numerosi pentiti di mafia. O la vicenda di Michele Sindona e i loschi affari con gli ambienti della massoneria. Ricordiamo anche la famosa  tangente Enimont, che transitò parzialmente per lo Ior. O il suo recente coinvolgimento nella vicenda della truffa del Mudoff dei Parioli, Gianfranco Lande. Nonostante la recente adozione di normative per la trasparenza, la banca vaticana rimane un ‘buco nero’ del sistema finanziario italiano, europeo e globale.

Tanto che a luglio lo Ior rischia di non entrare nella ‘lista bianca’ del Consiglio d’Europa?
Il rischio che il Vaticano decida di chiudersi a riccio facendo valere la sua extraterritorialità è reale. Le difficoltà che la Procura di Roma sta incontrando nel far luce sui conti esteri dello Ior, così come la chiusura del suo conto da parte di JP Morgan, dimostrano che la banca vaticana, al di là delle dichiarazioni del suo presidente Ettore Gotti  Tedeschi, non risponde ancora a quei requisiti di trasparenza che un soggetto finanziario del suo calibro dovrebbe rispettare.

Tags: Untagged
Hits: 53367

About the author

Comments

Please login first in order for you to submit comments

Seguici su Facebook