Ancora due sindaci nel mirino

0
115

A Roccabernarda e Gerocarne incendiate le auto di due sindaci 
 
Crotone – Ancora due sindaci nel mirino in Calabria.

Persone non identificate, la scorsa notte, hanno compiuto un attentato incendiario contro l’ automobile del sindaco di Gerocarne, Raffaele Schiavello, di 51 anni.
La vettura, in uso alla moglie di Schiavello, era parcheggiata nei pressi dell’ abitazione del sindaco.
Le fiamme hanno provocato danni rilevanti alla vettura.
Nei pressi dell’ automobile i carabinieri hanno trovato tracce di liquido infiammabile. Schiavello, che e’ sindaco dall’ aprile del 2000, presiede una giunta espressione di una lista civica.

E persone rimaste ignote hanno cosparso, due sera fa, con liquido infiammabile, il parabrezza e il cofano motore dell’ auto, una Lancia ”Y”, di proprieta’ di Francesco Coco, sindaco di Roccabernarda, nel crotonese.
Coco e’ di An ed e’ alla guida di un’amministrazione comunale espressione della lista civica ”Coccinella”.
L’ auto, in uso alla moglie del sindaco di Roccabernarda era parcheggiata in piazza Cucco, nel centro storico di Roccabernarda, nei pressi di una abitazione dove la consorte del primo cittadino era andata a fare una visita.
Ritornata verso l’autovettura, la moglie del sindaco ha avvertito un forte odore di benzina e della circostanza ha subito avvisato i carabinieri presso i quali e’ stata presentata denuncia.
I malviventi non hanno dato fuoco all’autovettura, non si sa bene se deliberatamente o perche’ hanno temuto di essere scoperti.
La moglie del sindaco di Roccabernarda e’ presidente della locale squadra di calcio.
Il sindaco Coco in passato ha subito altre quattro intimidazioni. Richiesto di un commento sull’episodio, il primo cittadino di Roccabernarda ha affermato che ”il fatto contribuisce ad appesantire il clima sociale” quale che sia la motivazione che ha spinto al gesto i protagonisti dell’intimidazione.

Leonardo Domenici, presidente dell’Anci, ha espresso la solidarieta’ sua personale e degli organi dell’Anci ai sindaci.
Domenici ha ribadito la richiesta al ministro Pisanu di una Conferenza Stato-Citta’ dedicata al tema della sicurezza. Domenici ha sottolineato che in materia ”l’ANCI nazionale intende portare avanti ipotesi di lavoro concrete, coinvolgendo direttamente anche le ANCI regionali”.
”Ancora recentemente, in occasione di atti intimidatori messi a segno nei confronti di altri amministratori locali – ha ricordato Domenici in una nota – abbiamo auspicato un’attenzione particolare del ministero dell’Interno verso il fenomeno. Dal ministro Pisanu abbiamo avuto rassicurazioni in materia; rassicurazioni che ci portano comunque a reiterare la richiesta di una convocazione straordinaria della Conferenza Stato-Citta’, interamente dedicata ai temi della sicurezza e del rispetto della legalita’ nei Comuni italiani, con particolare attenzione verso alcune aree maggiormente a rischio».

Solidarietà ai sindaci da parte del Partito repubblicano italiano che chiede un intervento adeguato da parte dello stato per creare migliori condizioni di sviluppo per la nostra regione.

il Quotidiano della Calabria

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here