“Tentative d’évasion”, mostra di Anna Romanello al museo del Presente di Rende.

0
114

La mostra di Anna Romanello, artista-performer di origine calabrese, che opera da molti anni a Roma, è stata inaugurata a Rende il 21 novembre scorso.
 
La mostra, patrocinata dal Comune di Rende, dal Comune di Corigliano Calabro e dalla Provincia di Cosenza, presenta fino a 5 dicembre un nucleo di opere recenti e conclude il ciclo di esposizioni cominciato dei mesi scorsi alla Loft Gallery di Angela Triboli a Corigliano Calabro e proseguito a “Contemporanea 2007” di Settimio Ferrari, presso il Complesso Monumentale di S. Bernardino a Rossano.

Per l’occasione è stato pubblicato un catalogo con scritti di Stanley W. Hayter, Tonino Sicoli, Mario Candido, Jean Rony, Tiziana Musi, Remo Remotti.

“Dalle scritte murali – scrive Tonino Sicoli – ai reportage fotografici, dai collages pubblicitari ai graffiti metropolitani, dal dripping alla pittura a macchie, dall’incisione con il bulino a quella con il trapano, dalla poesia visiva al libro d’artista, dal supporto di zinco a quello in pvc, Anna Romanello usa un ampio repertorio di linguaggi, di tecniche e materiali, che ne fanno un’artista curiosa e incline ad ogni sperimentazione lavori degli ultimi anni hanno raggiunto la sintesi necessaria ad una comunicazione diretta, ben articolata nell’utilizzo degli spazi e nella distribuzione delle immagini di varia provenienza.
Gli elementi fotografici costituiscono un utile supporto alla gestualità di una pittura prorompente.
Sotto i colpi del pennello o del bulino le mesas di Monument Valley, le vetrine dei negozi della Route 66, i grattacieli di New York diventano la stessa cosa del rigattiere di Pesaro o dei vicoli di Corigliano.

L’icona di Marilyn Monroe, il barbiere italoamericano, la Fontana di Trevi, il ritratto di Anna, costituiscono un’antropologia visiva che alimenta una ricerca artistica metafora della vita.
Un viaggio che è in qualche modo un eterno ritorno.
Per trovare se stessi sull’uscio di casa o per le strade del mondo.” 
 
 
 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here