IMPEGNO DELL’ ITALIA PER LO SVILUPPO IN IRAQ

0
61

 

All’interno un articolo apparso su “IL SOLE 24 ORE”
 
La licenza è stata assegnata a un consorzio guidato da Eni come operatore (del 40% con possibili piccoli aggiustamenti nei prossimi giorni) e composto anche dall’americana Occidental Petroleum Corporation e dalla Korea Gas Corporation.

La produzione di Zubair, uno dei più grandi giacimenti di petrolio dell’Iraq, è pari attualmente a circa 195 mila barili di olio al giorno. Nell’arco dei prossimi 7 anni, il programma di espansione del campo prevede il raggiungimento di un plateau di produzione pari a di 1,125 milioni di barili al giorno.
Il progetto prevede la perforazione di oltre 200 pozzi ad olio, la costruzione delle facilities di trattamento e della necessaria rete di raccolta, nonché il riammodernamento degli impianti esistenti.
Il contratto di servizio ha una durata di 20 anni, estendibili a 25, e prevede la partecipazione della compagnia di stato irachena Southern Oil Company con una quota del 25%.

«Il giacimento di Zubair è un bel boccone – ha dichiarato l’amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni -. Prima dedicheremo tutto il nostro impegno per svilupparlo, poi valuteremo se partecipare ad altre gare in Iraq. Oggi è prematuro dire quale sarà il nostro appetito in futuro».

Non ci sarà, a differenza del Consorzio originario, la cinese Sinopec: «Il Governo iracheno ci ha chiesto di escluderla perché presente in Kurdistan».

Nel progetto, ha concluso Scaroni, Eni si avvarrà del supporto tecnico di Saipem. 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here