ACCENDIAMO I RIFLETTORI SUL MEZZOGIORNO. PIANO DI AZIONE COESIONE. Priorità nel settore ferroviario

0
260

ACCENDIAMO I RIFLETTORI PER COGLIERE SUBITO LUCI ED OMBRE.

Nei giorni scorsi abbiamo dato rilievo alla protesta dei lavoratori e di tanti cittadini contro il taglio dei treni che partono dal Sud. Oggi pubblichiamo il documento “Piano di Azione Coesione: priorità nel settore ferroviario”.

Esso illustra gli accordi stipulati, tra il 10 ed il  14 dicembre, tra il Ministro per la Coesione Territoriale, il Ministro dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture  e Trasporti e le amministrazioni regionali.

Si individuano gli interventi prioritari nel settore ferroviario da finanziare attraverso la riduzione del tasso di cofinanziamento nazionale nella programmazione comunitaria 2007-2013.

Il processo di condivisione con le amministrazioni si è concentrato sui principali assi ferroviari del Mezzogiorno ed in particolare sui percorsi:

–          Palermo-Catania-Messina;

–          Napoli-Bari-Lecce-Taranto;

–          Salerno-Reggio Calabria;

–          Rete regionale sarda.

Su tali itinerari sono stati individuati i singoli interventi prioritari, sia a carattere infrastrutturale che tecnologico (ad esempio per i sistemi di regolazione dell’esercizio ferroviario). Per ogni intervento  è stata condotta una ricognizione delle  risorse finanziarie già disponibili, in particolare quelle del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) attribuite dal CIPE nella seduta del 3 agosto 2011,  che vengono integralmente confermate,  e del Contratto di Programma di Rete Ferroviaria Italiana.

Le risorse  che le amministrazioni regionali mettono a disposizione attraverso la predetta riduzione del tasso di cofinanziamento, complessivamente pari a 1.445  milioni di euro (ai quali si aggiungono 175 milioni di euro per interventi sulle strade in Sardegna), sono state appostate sui tratti che prioritariamente devono essere attivati per la realizzazione delle infrastrutture in una logica di concentrazione delle risorse.

La tavola di seguito riportata individua gli assi infrastrutturali ed i principali interventi,  per un complessivo finanziamento pari a 6.496 milioni di euro.

Una volta realizzato l’insieme degli interventi saranno conseguiti significativi miglioramenti dei  collegamenti ferroviari con riferimento ai tempi di percorrenza, alla frequenza ed alla puntualità del servizio reso.

Nella successiva programmazione 2014-2020 sarà reperito il residuo fabbisogno finanziario per gli interventi per i quali è stata finanziata la sola progettazione.

 

 

Tavola 1 – Assi infrastrutturali e principali interventi finanziati

 

 

* In considerazione delle condizioni di isolamento della Regione Sardegna, il Piano di Azione prevede anche un finanziamento a favore dell’ammodernamento della rete Stradale: Alghero – Sassari per 25 milioni di euro e Sassari – Olbia per 150 milioni di euro (che si aggiungono ai 406,5 milioni di euro della delibera CIPE 3/8/2011 e 443,5 milioni di euro di altre risorse) 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here