Svimez al ministro Barca: buone le misure per la crescita del Governo, ma serve maggiore selettività territoriale e sociale degli interventi

0
91

 

La Svimez valuta positivamente il Piano d’Azione e Coesione messo a punto dal ministro Barca e l’avvio, con il decreto sviluppo, di una strategia più incisiva del Governo per rilanciare la crescita del Paese. Le misure principali previste dal provvedimento presentato dal Governo, dalla riqualificazione edilizia ai crediti d’imposta per favorire l’assunzione di personale qualificato, alla scelta di puntare maggiormente sulla green economy, vanno nella direzione di una maggiore selettività settoriale degli interventi. Ciò che ancora manca è l’indicazione di una selettività territoriale e sociale degli interventi, che sia in grado di compensare, con iniziative produttive e non assistenziali, i maggiori impatti recessivi che le manovre di risanamento finanziario stanno determinando nelle regioni meridionali, come ha rilevato recentemente il rapporto Svimez – Irpet.

In particolare la Svimez valuta positivamente la scelta del Governo di concentrare le risorse, pari a circa 650 milioni quest’anno, più altri 200 milioni negli anni successivi, in un Fondo unico di agevolazioni alle imprese. A tale proposito la Svimez chiede che queste risorse, che in gran parte provengono da vecchi incentivi operanti in particolare al Sud, come quelli della legge 488, della programmazione negoziata, dei Contratti di Programma, di Localizzazione e d’Area, siano destinate soprattutto a creare nuova occupazione qualificata per i giovani del Mezzogiorno. Anche rifinanziando una misura come quella del credito d’imposta per nuova occupazione al Sud, recentemente riattivata, che però ha bisogno di ulteriori risorse per poter dare risposte concrete alla dilagante disoccupazione meridionale.

Questa la proposta che il presidente della Svimez Adriano Giannola e il consigliere d’amministrazione Giuseppe Soriero hanno fatto al seminario svoltosi nella sede dell’associazione alla presenza del ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca e della segretaria confederale della Cgil Serena Sorrentino in occasione della presentazione del libro di Franco Garufi Una finestra al quarto piano La Cgil e il Mezzogiorno Appunti per un futuro condiviso.

In particolare Soriero ha sollecitato più attenzione verso la Calabria, dalle 3 università ai 3 aeroporti, ai collegamenti ferroviari con il Porto di Gioia Tauro.

 

 

L’ufficio stampa Svimez

Emanuele Imperiali

3475315780

emimp@libero.it

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here