“L’Atlante delle mafie” al Salone del Libro di Torino

0
66

 

 
COMUNICATO STAMPA DI RUBBETTINO EDITORE
 
Enzo Ciconte, Francesco Forgione, Isaia Sales, curatori del volume, insieme a Pierluigi Stefanini, presidente di Unipol, lo storico Nicola Tranfaglia e don Luigi Ciotti di Libera presenteranno domani, 17 maggio, alle 13 presso lo Spazio incontri del Salone del libro di Torino il primo volume dell’Atlante delle mafie edito da Rubbettino.
 
Obiettivo del libro è quello di interrogarsi sulle ragioni del successo plurisecolare delle mafie italiane, e sulla diffusione del termine “mafia” per indicare ogni violenza privata che ha successo nel mondo, partendo dalla messa in discussione dal paradigma interpretativo dell’esclusività della Sicilia nella produzione di ciò che comunemente si intende per mafia. Se un fenomeno, nato in Sicilia nell’Ottocento, ha avuto una così lunga durata, affrancandosi dalle condizioni storiche e territoriali che ne resero possibile la sua originaria espansione e proiettandosi così agevolmente nella contemporaneità (divenendo addirittura un modello vincente per tutte le violenze private del globo) non è utile continuare a descriverlo solo come un originale prodotto siciliano. Il modello mafioso, infatti, si è dimostrato riproducibile nel tempo e in altri luoghi, non più specifico solo della Sicilia e del Mezzogiorno d’Italia. Con il termine mafia si deve intendere oggi un marchio di successo della violenza privata nell’economia globalizzata. Con questa ottica, l’Atlante delle mafie passa in rassegna le “qualità” criminali che differenziano nettamente i fenomeni mafiosi dalla criminalità comune e da quella organizzata. Esse vengono sintetizzate in cinque caratteristiche: culturali, politiche, economiche, ideologiche e ordinamentali. Secondo i curatori, si può ritenere mafia la “violenza di relazioni”, cioè una violenza in grado di stabilire contatti, rapporti, e cointeressenze con coloro che detengono il potere ufficiale, sia politico, economico e religioso, che formalmente dovrebbero reprimerla e tenerla a distanza. Perciò viene contestato ampiamente il luogo comune delle mafie come antistato, come antisistema. È stato proprio questo luogo comune a tenere per anni in ombra il vero motivo del successo delle mafie. Mentre alcune forme di violenza e di contestazione armata del potere costituito si sono manifestate contro le leggi e contro la visione unitaria dello Stato (il brigantaggio nell’Ottocento, le rivendicazioni etniche-territoriali e il terrorismo politico nel Novecento) e perciò alla fine sono state sconfitte, le mafie hanno usato una violenza non di contrapposizione, non di scontro frontale, ma di integrazione, interna cioè alla politica e al potere ufficiale. Dunque, per mafia si deve intendere una violenza di relazione e di integrazione. In questa loro caratteristica consiste la ragione del loro perdurante successo.
 
Clicca qui per scaricare la copertina
Clicca qui per chiedere una copa saggio per recensione
 
Antonio Cavallaro
Ufficio stampa
Cell. 327 4792173
Tel. 0968 6664210

Fax. 0968 662055
e-mail: antonio.cavallaro@rubbettino.it

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here