Verificare al più presto le condizioni di sicurezza nel trasporto ferroviario calabrese

0
37
 
La solidarietà più concreta a tutti coloro che soffrono per l’incidente drammatico avvenuto in Puglia è quella di avviare subito una rigorosa verifica straordinaria sulle condizioni di sicurezza lungo la rete calabrese.
 
Il Consiglio regionale proprio domani discuterà la proposta di piano dei trasporti approvata dalla Giunta.
 
E’ una scadenza importante, dopo 20 anni di solitudine, trascorsi dall’approvazione nel 1997 del precedente piano regionale voluto dal Governo Prodi sin dal 1996 ed elaborato d’intesa tra la Regione e il Ministero dei trasporti.
Auspico che domani il Consiglio, nell’approvare il piano, sappia dare una indicazione prioritaria nell’attuazione dello stesso, impegnando innanzi tutto gli investimenti nazionali ed europei necessari, in raccordo con le strutture di FS e Ferrovie della Calabria.
Insomma per evitare l’esposizione dei ferrovieri al c.d. “errore umano” dev’essere garantita la “Catena di controllo”, a partire dalle più alte professionalità nella gestione delle Aziende e dal rafforzamento degli uffici competenti della Regione.
 
Il sistema in dotazione delle Ferrovie Italiane è il più avanzato a livello europeo e può favorire tutti gli  interventi di miglioramento specie lungo il binario unico delle linea jonica.
L’Azienda Ferrovie della Calabria, che pure utilizza un sistema di controllo della sicurezza migliore di quello delle Ferrovie Bari Nord, deve subito verificare se, al proprio interno, ci sono momenti di discontinuità del sistema e quante volte in un anno gli operatori sono costretti a ricorrere all’ uso del metodo telefonico, lungo una linea ferroviaria che ha caratteristiche orografiche e tecnologiche particolari.
 
E’ un impegno prioritario che sollecitiamo per investimenti ad alta tecnologia che qualifichino l’assetto calabrese, per la sicurezza di tutti i cittadini e condizioni di lavoro più agevoli di tutti i ferrovieri.
 
Pino Soriero
Presidente dell’Associazione IL CAMPO e  Sottosegretario ai Trasporti nel primo Governo Prodi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here