Cosenza, un parco urbano da valorizzare e promuovere

0
141

Di Vincenzo Gallo

Nella zona a sud del territorio del Comune di Cosenza esiste un’ampia zona
sottoposta a vincolo ambientale-paesaggistico, pari al 47% del territorio
comunale.
È rappresentata da un unico ambito territoriale posto a sud della
confluenza del corso dei fiumi Busento e Crati. L’area urbana costituisce
solo il 25,4% del territorio, i boschi il 27%, le colture agricole il 25%
(soprattutto uliveti e vigneti), mentre i pascoli rappresentano il 22,6% del
territorio per come si legge anche in documenti ufficiali del Comune.

Esiste di fatto pertanto un parco urbano in città da valorizzare e
promuovere adeguatamente. Cosenza è una città immersa nel verde se si tiene
conto anche che il territorio comunale è a circa trenta minuti dalla Sila e
dalla Catena Costiera. Potrebbe diventare pertanto la città dei turismi
(culturale, naturalistico, enogastronomico, ecc.),  valorizzando il suo
centro storico e le aree di maggiore pregio ambientale e tutelando  i
manufatti di interesse archeologico esistenti.

Per documentare la qualità ambientale di alcune aree a sud della città si possono vedere
queste foto di Anna Montoro, scattate in una zona lungo il fiume Iassa, in
località Fiego.
Le foto non sono state ritoccate in nessun modo.

La zona è a pochi minuti dal centro storico e vi sono localizzati anche i
resti di una antica struttura in muratura ad archi. Potrebbero essere i
resti di un antico acquedotto e mi auguro possano essere presto messi in
sicurezza.
Nel 2004 come assessore tecnico anche al verde del Comune di Cosenza ho
promosso il progetto “Itinerari verdi – alla scoperta di antichi sentieri”,
realizzato dal Comune con il supporto di giovani archeologi,  storici e
botanici del servizio civile. È stato individuato anche un antico ponte
probabilmente romano quasi del tutto insabbiato,  sempre nel fiume Jassa.
Mi auguro che la nuova amministrazione comunale possa rilanciare questo
progetto, recuperando la rete sentieristica esistente.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here